Fotomontagni

News, Fotogallery, Camera Car & Curiosità
Fotogallery aggiornata: 23° Rally Il Ciocchetto1° Rally Day Fettunta1° Rally Day di Pomarance.

Caldani vince per la terza volta il Rally il Ciocchetto

Fotogallery 23° Rally Day Il Ciocchetto

Il versiliese Nicola Caldani, con la Ford Fiesta R5, è il vincitore del 23°Rally “Il Ciocchetto”, ultima gara di rally dell’anno in Italia. Il classico appuntamento agonistico “sotto l’albero”, creazione del compianto Maurizio Perissinot ai primi anni novanta, si è svolto tra la serata di ieri e l’intera giornata odierna, sulla lunghezza di ben 14 tratti cronometrati – spettacolari ed avvincenti – ricavati come consuetudine dentro il comprensorio del Ciocco, uno dei “templi” della specialità non solo in ambito nazionale.

Caldani, in coppia con Roberto Mometti (cui è andato il Trofeo Perissinot), ha concesso il tris di successi dopo quello del 2000 e del 2009, conducendo una gara di alto profilo, nella quale è passato al comando con un attacco deciso dalla terza prova speciale, la prima odierna. Le prime due “piesse” di ieri sera, infatti, messe in campo per ricordare proprio la figura di Perissinot a dieci anni dalla sua prematura scomparsa, avevano elevato a leader il vincitore del 2013, il massese Gabriele “Ciava” Ciavarella, in coppia con Perna, su un’altra Fiesta R5.

Poi, Caldani, di primo mattino è andato al vertice, l’altro ha poi compiuto un errore sulla quarta prova e sulla successiva quinta è uscito di strada lasciando il via libera al futuro vincitore.

Alle spalle di Caldani, in seconda posizione, ha concluso il fiorentino Paolo Ciuffi, tornato al Ciocco con una Mitsubishi Lancer Evolution. Inseguiva il poker di successi, il pilota di Impruneta, affiancato da Bugelli, ma ha subito toccato con mano la forza della Fiesta R5 prima di “Ciava” e poi di Caldani.

Concreta ed esente da errori, comunque, la gara di Ciuffi, che ha vinto anche il Gruppo N, le vetture derivate dalla serie, lamentando una difficoltà al cambio nel finale di gara.
Al terzo posto assoluto ha poi finito il lucchese Rudy Michelini, con la sua Citroen DS3 R5, assecondato da Moriconi. Per lui una gara estremamente regolare, sempre nelle altre sfere della classifica, premiata dal gradino più basso del podio.

Le curve del Ciocco, tra la serata di ieri e l’intera giornata odierna, sono state prese d’assalto da migliaia di appassionati di rally e non, attratti dal notevole valore del plateau di iscritti oltre che per vedere proseguire la forte tradizione di una gara unica nel suo genere, anche confortata da una tiepida giornata di sole.

Con quest’ultimo atto stagionale, La Organization Sport Events ha chiuso il capitolo 2014 con all’attivo tre gare rivelatesi tutte di alto profilo, con capofila il “Ciocco”, apertura del tricolore rally, consuetudine che si ripeterà nella prossima primavera, dal 20 al 22 marzo. Per esso si lavora già da tempo, pensando ad alcune sostanziali novità, anche in questo caso per proseguire la tradizione.

Postato 2 months, 1 week fa alle 11:38.

Add a comment

Quinto successo di Ciuffi al Rally della Fettunta

Fotogallery 1° Rally Day della Fettunta

La manifestazione, organizzata da Valdelsa Corse, si è svolta nei luoghi storici del Fettunta degli albori con Tavarnelle Val di PesaBarberino Val di Pesa i punti di riferimento e le due prove di Vico e di Sicelle ottimi banchi di prova per i quasi settanta equipaggi che si sono dati battaglia nelle cinque prove speciali effettuate.

Ciuffi ha preso la testa della gara dalla seconda prova speciale riuscendo a contenere gli attacchi degli avversari che hanno cercato fino alla fine di contrastarlo a partire dal pistoiese Gasperetti.

Tra le storiche presenti in un nutrito lotto, bella e netta la vittoria del duo Guarducci-Bazzani con laOpel Ascona 400 che ha preceduto Andreotti-Ferroni con una Opel Kadett Gte, sul filo dei decimi la terza piazza che ha alla fine visto prevalere per appena 6/10 di secondo Mariotti-Mannini (Alfa Romeo Alfetta Gt) ai danni di Barsanti-Castiglioni (Opel Kadett Gte).

Alla fine hanno concluso la gara 43 dei 51 equipaggi che hanno preso la partenza tra le auto Moderne e 13 dei 16 equipaggi tra le Storiche. Tra l’altro il duo Basagni-Gostinelli nonostante il ritiro nelle battute iniziali ha conquistato il Trofeo Rally Storici nell’Open Rally con la Fiat X1/9.

Soddisfazione per gli organizzatori della Valdelsa Corse che hanno riportato nel Chianti Fiorentino la gara come ha affermato il Presidente del Comitato Organizzatore Federico Feti all’arrivo: “Siamo veramente contenti di essere riusciti a riportare nella vecchia location del Fettunta la gara. Ringraziamo a questo proposito tutte le amministrazioni locali che ci hanno ospitato e dato una mano come i comuni di Barberino Val d’ElsaTavarnelle Val di PesaCastellina in Chianti, un forte ringraziamento anche all’Aci Firenze che ci ha fatto l’onore di essere presente anche sul palco d’arrivo con il presidente e la direttrice”.

CLASSIFICA FINALE 1° RALLYDAY FETTUNTA

Postato 2 months, 2 weeks fa alle 13:19.

Add a comment

Primo Rally Day di Pomarance: vince Senigagliesi

Fotogallery 1° Rally Day Pomarance


Il primo Rally Day di Pomarance ha visto la vittoria del locale Carlo Alberto Senigagliesi, affiancato dal livornese Giacomo Morganti, su una Renault Clio S1600. Il portacolori del Jolly Racing Team ha vinto la gara con un rush finale estremamente efficace, dopo aver duellato tutta la giornata con il giovane versiliese Gianandrea Pisani, in coppia con Jasmine Manfredi su una più potente Renault Clio R3. Terzo è arrivato lo spezzino Claudio Arzà finito terzo, anche lui alla guida di una Clio S1600.

Organizzato da PromoGip, con la collaborazione di Jolly Racing Team, il rally quest’anno si è rinnovato proponendo due prove speciali, la “Valle della Trossa” e quella inedita di Montecatini Valdicecina, da percorrere tre volte ciascuna.
Un rally incerto sino all’ultimo ed anche spettacolare, per la gioia dei molti appassionati che sfruttando una bella giornata di sole, hanno assistito alle evoluzioni in “piesse”.

Senigagliesi e Pisani, anche compagni di scuderia, non si sono risparmiati, il loro aspro, ma leale duello sin dal via: i riscontri cronometrici di entrambi hanno portato a chiudere la partita proprio sulla “piesse” di chiusura, alla cui soglia Senigagliesi si è presentato con solo un secondo di vantaggio sull’altro. Il classico colpo di reni di quest’ultimo ha poi assicurato il bis di allori in questa gara (che sino allo scorso anno era una “Ronde”) oltre che il tris stagionale dopo quelli di Castelnuovo Valdicecina e Reggello. Colpo di reni che ha voluto dire 1”3 rifilati al giovane e promettente avversario, il quale ha lamentato difficoltà di assetto soprattutto nella prova di Micciano (la “Valle della Trossa”), meritandosi comunque ampi elogi per come ha caratterizzato la giornata di rally nella terra della geotermia.

Al terzo posto, a 6”4 dal vertice, ha chiuso Arzà, costantemente in scia del duo di testa e bravo anche a contenere gli attacchi continui e decisi dell’altro locale Nico Signorini (Renault Clio R3), una delle più belle realtà della toscana da rally, finito a ruota con solo 8”3 di passivo. La quinta piazza finale è stata poi per il pisano di Guardistallo Christian Guazzini, al volante dell’ennesima Clio S1600, bravo ad interpretarla nonostante fosse con essa in debito di feeling.
Il 1° Rally Day di Pomarance è andato in archivio con un notevole successo organizzativo, suggellando nel migliore dei modi anche la fruttuosa collaborazione con l’Amministrazione Comunale di Montecatini Valdicecina, la quale è andata ad unirsi a quella rinnovata di Pomarance, come partner esclusivi dell’Organizzazione. Si è andata quindi rafforzando l’idea, peraltro avviata con la prima edizione della gara come “Ronde” nel 2008, dell’evento inteso come importante veicolo di immagine per il territorio.

CLASSIFICA FINALE (TOP TEN):
1. Senigagliesi-Morganti (Renault Clio S1600) in 24’08”0;
2. Pisani-Manfredi (Renault Clio) a 2”3;
3. Arzà-Tricoli (Renault Clio S1600) a 6”4;

4. Signorini-Riterini (Renault Clio) a 8”3;
5. Guazzini-Lupi (Renault Clio S1600) a 15”0;
6. Volpi-Scalabrini (Renault Clio) a 34”9;
7. Bizzozero-Tosetto (Renault Clio S1600) a 41”2;
8. Tucci-Micalizzi (Renault Clio S1600) a 42”4;
9. Incerpi-Monti (Peugeot 106) a 51”1;
10. Fusetti-Chiacchella (Renault Clio S1600) a 51”8.

Postato 3 months fa alle 15:35.

Add a comment

Rudy Michelini sul primo gradino del 35° Rally Città di Pistoia

Fotogallery 35° Rally Città di Pistoia

Rudy Michelini, ha conquistato il secondo alloro stagionale.
Domenica, al 35° Rally Città di Pistoia, ultimo atto del Trofeo Nazionale Rally, il pilota lucchese ha incamerato una vittoria tanto sicura quanto esaltante, al volante della Citroën DS3 R5 preparata da Procar Motorsport.

Affiancato da Michele Perna, Michelini ha letteralmente dominato la gara, prendendo il comando della classifica dai primi metri di gara e già dopo tre soli impegni cronometrati del sabato sera aveva il successo in mano.

Un dominio dunque assoluto, sette i successi parziali su altrettante prove disponibili, che oltre a ribadire l’elevato valore del pilota e del suo navigatore ha pure riconfermato le qualità della DS3 R5, della quale Michelini è stato convinto assertore della competitività ed affidabilità sino dal primo momento.

Un rapporto speciale, quello di Michelini con la vettura della “doppia spiga”, visto che è stato anche il primo pilota al mondo a portarla in gara al Rallye Sanremo della scorsa primavera. La gara di Pistoia, infatti, è stata anche un momento lavorativo importante, intorno alla vettura, per la quale si è cercato di proseguire il lavoro di affinamento, in concerto con i tecnici di Citroën Racing.

Il commento di Rudy Michelini: “Una gran soddisfazione, ci tenevamo molto a far bene in quanto era la gara di casa della squadra, che festeggiava il primo anniversario del suo nuovo corso. Poi, al di là del risultato, siamo estremamente felici perché abbiamo visto che il lavoro prodotto sulla vettura dalla metà dell’anno sta dando i suoi frutti. Si deve considerare che la DS3 R5 è ancora in ampia parte da scoprire, ha un potenziale altissimo e per contro dobbiamo tirarlo fuori, diciamo che ogni nostra partecipazione, in primis è vòlta a capire se il lavoro che facciamo è nella giusta direzione o meno, poi si guarda al risultato. La gara di Pistoia è stato un ottimo test, il percorso lo conoscevo bene, per cui avevamo delle informazioni su cui lavorare sia per il set-up che per altre soluzioni che possano rendere questa bellissima macchina competitiva al pari delle concorrenti. La strada che abbiamo preso è buona, ci impegneremo, con Procar e con Citroen Racing per arrivare al 2015 sulla linea dei competitor che abbiamo come riferimento”.

> Classifiche Ufficiali

Postato 4 months, 2 weeks fa alle 23:29.

Add a comment

This site is protected by WP-CopyRightPro